F.A.C.S.

Nell’ambito della prevenzione, è dimostrato che l’attivazione di programmi innovativi che si propongono come complemento educativo al modello tradizionale, rinforza e modifica i comportamenti devianti. In particolare, i progetti che costruiscono le loro azioni sulla base di un’educazione alla legalità, salvaguardando il rapporto relazionale dei partecipanti nell’apprendimento dei modelli formativi cognitivi e espressivi.

Un modello che privilegia gli aspetti relazionali all’interno dei centri aggregativi, con la realizzazioni di percorsi personalizzati con azioni che:

a) mirano a valorizzare il gruppo di lavoro
b) la capacità di trasformazione delle informazioni
c) esperienze innovativi di: apprendimento, artistici e culturali.

Con l’obbiettivo primario di creare la parte più complessa del lavoro educativo: creare la fiducia, il dono della relazione fra adulti e bambini.

Negli ultimi anni i diversi tagli nei settori della educazione, cultura, servizi alla persona, hanno orientato agli enti, ad’esperimentare modelli complementari per potenziare indirizzi tradizionali, cercando di equilibrare le mancanze subite dell’offerta, con proposte in grado d’ integrare ed avvantaggiare i partecipanti ai servizi di qualità.